Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘stili di vita’


FONTE: CORRIERE DELLA SERA.it

La storia di «Pecoranera», alias Devis Bonanni, che ha scelto di vivere nella natura.

MILANO – Altro che Bot e Btp. Piselli e ravanelli sono al centro della sua vita. E poi la serra e le pannocchie rosse. Lontano anni luce dallo spread e dagli ammortizzatori sociali, ecco il «vivere altrimenti» di Devis Bonanni. Classe 1984, nato e cresciuto a Raveo, quattrocento abitanti in Carnia (in provincia di Udine), Devis a 23 anni decide di abbandonare l’impiego come tecnico informatico e si trasferisce in una casetta prefabbricata riscaldata solo da una stufa a legna per dedicarsi a tempo pieno a quella che battezza «vita frugale». Vale a dire l’orto, la serra e i campi. Da questa scelta nasce l’appellativo «Pecoranera», che diventa prima un blog, poi un libro della Marsilio: «Si definisce pecora nera della famiglia o di un gruppo di conoscenti un individuo che ha imboccato una cattiva strada o che non soddisfa le aspettative degli altri componenti».

 IL BLOG – La cattiva strada viene raccontata dal 2003 sul blog dove posta pensieri come questo: «Ho iniziato quest’avventura per verificare se fosse possibile vivere altrimenti. Auto-produrre buona parte del cibo di cui ho bisogno, muovermi con mezzi alternativi all’automobile, riscaldare la casa con la legna e compiere tutte quelle scelte che sono annoverate tra le abitudini del bravo ecologista. In parte sento di esserci riuscito anche se non mancano incoerenze e piccole storture». Chiaro? Non una fuga ma una scelta. «Non sono un eremita, non fuggo dalla modernità». E come contraddirlo? Le sue scelte sono sorprendenti: non ha il frigo ma ha un cellulare. Ha venduto l’auto e gira in bici. Niente tv, ma un pc portatile con connessione Internet.

200 EURO AL MESE – Denis vive … (altro…)

Read Full Post »


Al XV Convegno di Teologia su Parola e testimonianza nella comunicazione della fede svoltosi dal 12 al 13 marzo su iniziativa della Facoltà di Teologia della Pontificia Università della Santa Croce si parla di stili di vita.

Riprendiamo alcuni passaggi che ci paiono significativi.

SER. Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione afferma:

In un contesto di indifferenza, agnosticismo, “i testimoni hanno il grave compito di provocare l’assunzione di stili di vita che sanno parlare di vero amore, di genuina libertà e di gioia reale”.

Sulla valenza antropologica della testimonianza cristiana si è soffermato Mons. Giuseppe Angelini, docente presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, il quale ha ribadito che:

“il senso e la necessità della testimonianza possono essere compresi soltanto a condizione che si riconosca la condizione originaria della persona”. Nel “clima culturale” attuale, caratterizzato dal “rifiuto dell’idea di verità”, domina invece “una declinazione debole e decisamente scadente della categoria della testimonianza”, tollerata solo come “racconto della propria esperienza”. Eppure, “la testimonianza è categoria assolutamente irrinunciabile per dire la qualità della parola cristiana”, ma è insieme anche “la categoria alla quale le forme correnti del pensiero appaiono oggi decisamente refrattarie”, sulla base del principio dell’“estraneità reciproca delle coscienze”.

Leggi il resto….

Read Full Post »


…partire dalle nostre scelte quotidiane di consumo e di allocazione del tempo di cui disponiamo è un modo per contribuire al cambiamento delle nostre società.
(dalla prefazione di Enrico Giovannini, Presidente dell’ISTAT)

Il gruppo fiorentino della campagna Bilanci di Giustizia presenta il libro “Prove di felicità quotidiana” di Luca Gaggioli e Antonella Valer, sarà presente Luca Gaggioli

18 novembre 2011 ore 21.00

Sala “Fiaba” Via delle Mimose, 12 Firenze (FI), Italy

w w w . b i l a n c i d i g i u s t i z i a . i t
informazioni: giambe@tin.it

(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: