Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Pensieri’ Category

Se non ora quando?


Dalla veglia della fraternità di Romena  del mercoledì delle ceneri alle Piagge!


Read Full Post »

Il gesto di Ettore


(…. )Ettore tese le braccia a suo figlio, ma il bambino piegò la testa piangendo nel seno della nutrice, terrorizzato dalla vista del padre; lo spaventava il bronzo e il cimiero coi crini di cavallo che vedeva oscillare terribilmente in cima all’elmo. Sorrisero allora il padre e la nobile madre, e subito lo splendido Ettore si tolse l’elmo e lo depose, rilucente, sopra la terra; baciò suo figlio e lo palleggiò tra le braccia, (….)

Ho finalmente capito perché quando si parla di Papà, si parla spesso del “gesto di Ettore”.

Nell’Iliade, Ettore – prima di andare a morire in combattimento – saluta il suo piccolo e la moglie. La sua armatura spaventa il piccolo che alla sua vista si ritrae. Allora Ettore si toglie l’elmo, prende il bambino e lo solleva verso il cielo indirizzando una preghiera a Zeus.
Il gesto di Ettore è questo.

(altro…)

Read Full Post »

Adozioni e razzismo


Oggi su Repubblica e corriere della sera sono usciti 2 articoli sulla sentenza della Cassazione in merito alle scelte “etniche” operate da alcune famiglie adottive.

Cassazione: Adozione, vietato rifiutare bambini neri

Cassazione: Chi adotta un bambino non scelga il colore

Read Full Post »


Dato che a suo tempo il tema aveva molto interrogato e interessato molti di noi, segnalo evoluzione.

Alessandro Santoro torna alle Piagge.

Read Full Post »

Scritto sul muro


“Voglio volere… Io voglio un mondo all’altezza dei sogni che ho!”

Questa è la scritta che ho trovato nel giardino davanti a casa, nella piccola Ginestra Fiorentina,  paesino come tanti altri nelle colline intorno a Firenze.

Un grido acerbo, di adolescente che ho scoperto nasconde una forza ed una freschezza che mi ha fatto bene perchè mi ha rimesso in contatto con qualcosa di profondo in me.

Forse il grido era quello dei miei 20 anni  e vederlo scritto, mi ha sorpreso.
I sogni grandi non hanno tempo e hanno ancora oggi bisogno di orizzonti vasti.

Il giovane writer nel buio della sua notte ma con in mano la sua bomboletta verde e la sua speranza, ci ha gridato in faccia quello che si aspetta da noi: un mondo all’altezza dei suoi sogni.

Io, ormai padre, voglio raccogliere questo suo grido e accogliere il suo bisogno, che è ancora il mio, di prendere in mano la vita da protagonista…il mondo adulto DEVE essere all’altezza e per farlo deve volerlo volere.

Mi sembra di poter dire che noi di ACF ci siamo o se non altro ci proviamo.

Read Full Post »

« Newer Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: